Malattie del coniglio: quali sono?

Jessica Merra Di Jessica Merra, Amministratrice a Code Pazze
Malattie coniglio

Purtroppo potrebbe capitare che il nostro coniglio non stia bene avvertendo sintomi d’allarme, in questo caso dovremmo subito portarlo dal veterinario senza aspettare troppo tempo. Quali sono le malattie del coniglio?

Di seguito, vi riporterò quelle più diffuse con cause, rimedi e sintomi.

Anoressia

Il primo sintomo è la perdita d’appetito. Le cause che possono portare il nostro coniglio a non mangiare sono molte, tutte sicuramente molto gravi dato che il coniglio è un animale che deve mangiare di continuo. Potrebbe essere a causa di un blocco intestinale, per problemi dentali, per parassiti o per encefalite. Subito ricorrere alle cure del veterinario

Patologie gastrointestinali

Dove avremo perdita d’appetito, apatia, assenza di feci, addome gonfio, respiro accelerato e anoressia; causa principale è un blocco intestinale oppure potrebbe presentare feci liquide, maleodoranti, dimagrimento, addome gonfio causato da enteriti, coccidiosi o megacolon. Anche qui, recarsi da un veterinario per terapia.

Patologie dentali

Nelle quali ci accorgeremo di incisivi allineati male con crescita a dismisura, difficoltà a mangiare, occhi sporgenti, dermatiti alla bocca e ascessi. Le cause potrebbero essere ascessi, malocclusione o osteomielite. Seguire una terapia data dal veterinario.

Parassiti interni,

Presenti all’interno delle feci che saranno maleodoranti e liquide che porteranno il coniglio al dimagrimento. Le cause potrebbero essere i coccidi, parassiti dell’intestino e del fegato che portano alla morte se non curati in fretta e in tempo.

La diarrea non va mai sottovalutata che può essere causata da un’alimentazione povera di fibre o a causa di cibo avariato. In questo caso il veterinario provvederà a farvi fare esami delle feci e vi darà la terapia adeguata.

Parassiti esterni.

I sintomi più diffusi sono il pelo arruffato, prurito, crosticine, forfora, pelle secca. Le cause di queste malattie sono vaste come pulci, rogna, micosi, cheyletiella, dermatite, miasi che è un’infestazione causata da larve di mosca e mixomatosi. Se vi accorgete di ciò portate subito il vostro coniglio dal veterinario.

Patologie cutanee.

I sintomi sono lesioni o ulcere sotto le zampe posteriori non curate che portano infezioni e alle volte si deve ricorrere all’amputazione dell’arto; oppure possono essere tumefazioni alla mandibola o a qualche altra parte del corpo. Pododermatite e ascessi possono esserne le cause. Occorre subito recarsi dal veterinario per una terapia.

Fratture o ferite

Dove avremo ovviamente sintomi come impossibilità di movimento, zoppicamento nel primo caso e lacerazioni o sanguinamento nel secondo caso. Le cause possono essere cadute, liti o morsi. Recarsi subito dal veterinario.

Patologie respiratorie

Dove ci accorgeremo della difficoltà di respirare, congiuntivite, starnuti, muco causati da raffreddori, riniti, pasteurellosi ed edema polmonare. Per la terapia meglio recarsi dal veterinario.

Patologie neurologiche

Sono causate da otiti, tumori, traumi ed encefalitozoonosi; i sintomi sono il torcicollo, la perdita d’equilibrio e l’assenza di risposta agli stimoli.

Patologia dell’occhio

Sono causate da congiuntiviti, mixomatosi, cheratiti o ascessi retro bulbari; i sintomi sono occhi arrossati, palpebre gonfie, occhi sporgenti, macchie oculari. Portarlo subito dal veterinario.

Gravidanza isterica

Non è una malattia vera e propria, ma porta gravi problemi alla coniglia. La causa è la non facile regolarità di riproduzione come in natura. Un rimedio potrebbe essere la sterilizzazione. I possibili sintomi sono lo strapparsi il pelo, l’aggressività e il gonfiarsi delle mammelle.

Patologie congenite

Come la Splay Leg Disease che colpisce i conigli nei primi anni di vita, portando le zampe ad essere ruotate verso l’esterno, soprattutto quelle posteriori. Tutto ciò è causato dal tessuto connettivo. La terapia è sicuramente quella di correggere le zampe nei prime 3/5 settimane di vita con bendaggi o tutori.

Costipazioni- stasi gastrointestinale

È una malattia purtroppo molto comune nei conigli che può portare anche alla morte. Presentano sintomi quali il non mangiare, il non muoversi, apatia, occhi sbarrati, ventre gonfio, tremore. Ovviamente non esiste un rimedio fai da te, va portato dunque, subito dal veterinario anche perché il coniglio è un animale che mangia continuamente e non farlo sarebbe dannoso! Le cause potrebbero essere alimentazione povera di fibre, peli ingeriti in quantità, poco movimento, oggetti ingeriti, sbalzi di temperatura, cambiamento dell’alimentazione, stress o l’aver mangiato velocemente.

Malocclusione dentale.

Il coniglio ha 28 denti: 6 incisivi di cui 2 superiori ben visibili e 2 dietro meno visibili. Per mangiare usano gli incisivi per recidere il cibo e per masticarlo usano i molariformi. Tra gli incisivi ed i molari c’è uno spazio chiamato diastema. I  molari superiori sono inclinati verso l’esterno, quelli inferiori verso l’interno.

Sia molari che incisivi hanno lunghe radici che vanno controllate perché se troppo lunghi portano problemi. Questa malattia è molto frequente, presentando sintomi come eccessiva salivazione, gonfiori, difficoltà a masticare, anoressia, incisivi lunghi ed occhi sporgenti. La causa principale è l’uso di mangimi sbagliati.

Portatelo dal veterinario che provvederà nel fare una radiografia e a capire la terapia approppriata. Ne sofftono principalmente i conigli arieti nani. Per cercare di prevenire tutto  ciò somministriamo un’alimentazione fatta di erba , fieno e verdure.

L’ encefalitozoonosio

La testa inclinata è molto diffusa tra i conigli domestici. Parassita che colpisce soprattutto organi come il cervello e i reni e meno fegato e cuore. Le lesioni neurologiche possono portare anche a paralisi totali o parziali.

I sintomi possono essere acuti come torcicollo, labirintite, testa incloinata, paralisi posteriore, convulsioni o cronici come movimento continuo del cranio, estraneazione, aggressività, incontinenza, sordità, cecità, eccessiva magrezza e problemi oculari. Correte subito dal veterinario.

Neoplasie tumori.

Ebbene si, anche il coniglio potrebbe avere tumori maligni e benigni; vengono colpiti utero, testicoli (per questo è consigliata la sterilizzazione) cervello, polmoni. Per verificarne la presenza dobbiamo effettuare tac e risonanze magnetiche.

Patologie urogenitali.

Il calcio presente nel cibo mangiato dal nostro coniglio, viene assorbito tutto dall’intestino e quello in eccesso viene eliminato tramite i reni, per questo la pipì del coniglio è torbida perché è ricca di calcio. Infatti per non affaticare i reni non si deve esagerare con cibi ricchi di calcio per evitare anche problemi come calcoli o sabbia vescicale. Attenzione alla pipì del vostro coniglio, se troppo limpida è un brutto segnale.

Parassiti esterni

Li troviamo sul pelo infatti bisogna tenerlo sempre sotto controllo. Possono essere le pulci, i funghi, gli acari, la rogna e la miasi. Se ve ne accorgete non usate il frontilne   perché è m olto dannoso.

Otite

Una malattia che può essere causata da infezioni o parassiti.

Enterite

È un’infezione batterica del tratto gastrointestinale causata principalmente da cibo non adatti. I sintomi saranno anoressia, letargia, diarrea liquida, gas intestinale.

Megacolon

È un disturbo genetico sempre del tratto gastrointestinale causando un accumulo di feci che non riescono ad espellere. I sintomi sono feci malformate, diarrea e stasi intestinali.

Coccidiosi

È un’infezione contagiosa causata da un parassita all’interno dell’intestino, nei dotti biliari e nel fegato. I sintomi sono perdita di peso, addome gonfio, diarrea, anoressia, letargia e pelo arruffato.

 

Queste sono tutte le malattie del coniglio

Hai avuto un’esperienza con queste malattie?

Comunicacelo qui sotto con un commento !

O semplicemente sui social entrando a far parte della nostra community.

 

Fonte :

La voce dei conigli

Editor © Jessica Merra

 

 

Facebook Comments

The following two tabs change content below.
Jessica Merra

Jessica Merra

Amministratrice a Code Pazze
Sono co-fondatrice del sito Code Pazze e dei gruppi Facebook dove mi occupo della stesura dei testi basandomi su fonti scientifiche, e della correzione dei testi che i professionisti svolgono...Continua a leggere.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.