Il digiuno per gli animali: aiuta a combattere le malattie

Giorgio Sechi Di Giorgio Sechi, Amministratore a Code Pazze
Il digiuno per gli animali

Uno studio condotto dalla University of Southern California ha scoperto che il digiuno per gli animali potrebbe innescare la rigenerazione dei globuli bianchi.

Hanno anche specificato che i risultati potrebbero avere importanti danni per gli anziani e le persone che soffrono di sistemi immunitari danneggiati, come i malati di cancro.

Il digiuno

Il digiuno nei cani

Il digiuno per gli animali, applicato da uno studio, condotto nei topi, ha dato un miglioramento. Innescando una rigenerazione basata su cellule staminali di nuovi globuli bianchi, rinnovando in tal modo il sistema di difesa del corpo.

Valter Longo, professore di gerontologia e scienze biologiche presso la University of Southern California, ha dichiarato che durante il digiuno il corpo si libera da tutte le parti danneggiate o vecchie, ovvero dalle parti inneficienti.

Ha aggiunto aggiunto inoltre “Se inizi con un sistema pesantemente danneggiato dalla chemioterapia o dall’invecchiamento, i cicli del digiuno possono generare, letteralmente, un nuovo sistema immunitario”.

Ma non bisogna abusarne perchè lunghi periodi di digiuno diminuiscono un rigeneramento dei globuli bianchi e ha un’impatto negativo sulla fisiologia intestinale, potenzialmente attraverso la modulazione del microbiota.

Benefici

Benefici del digiuno nei cani

  • Migliora la funzione cerebrale
  • favorisce la crescita di batteri sani nell’intestino
  • il sistema immunitario si ricarica e promuove l’auto guarigione
  • il loro sistema applica un processo di disintossicazione naturale
  • brucia i grassi in eccesso e favorisce la tonificazione muscolare.

Vari studi specificano

Il digiuno e la dieta ipocalorica hanno entrambi dimostrato benefici per la salute umana e animale e un allungamento della durata della vita.

La ricerca sugli effetti favorevoli del digiuno intermittente o della restrizione calorica a lungo termine mostra che durante il digiuno, i mitocondri si abbassano, con meno radicali liberi rilasciati da essi. Questo processo, noto come ormesi, può essere la ragione per cui è stato dimostrato che il CRD riduce le molecole infiammatorie in così tanti diversi tipi di cellule.

L’infiammazione è alla base di molte malattie degenerative e la CRD ha dimostrato di ridurre l’incidenza del cancro, diminuzione o invertire l’artrite, declino cognitivo, diabete di tipo II, ipertensione, dermatite e fegato, rene, e malattie cardiache. Uno studio ha mostrato il suo effetto sul miglioramento della sordità legata all’età. Questo effetto è stato osservato nei ratti, nei topi, nelle scimmie rhesus e negli umani.

L’ipoglicemia

Ipoglicemia agli animali

Come ricordiamo nella guida Barf, per il termine ipoglicemia si intende un abbassamento della concentrazione ematica di glucosio sotto un valore soglia ancora non esattamente determinato, ma che convenzionalmente si considera 70 mg/dl. Livello sotto il quale inizia l’increzione di ormoni controregolatori da parte dell’organismo.

La Dott. Karen Becker, nel suo articolo ricorda diverse esperienze negative che riguardano il digiuno per gli animali. Alcuni nei cani dei suoi pazienti:

  • Un cucciolo di 4 mesi che sviluppava ipoglicemia
  • Un cane diabetico, digiunato dopo una dose di insulina, che ha sviluppato anche ipoglicemia
  • Un gatto sovrappeso che ha sviluppato la lipidosi epatica (malattia del fegato grasso)
  • Uno Schnauzer molto anziano e malato che era già tossico (sprecando)

Il digiuno di più di 12 ore non è mai una buona idea per i gatti, soprattutto se sono in sovrappeso, a causa del rischio di lipidosi epatica. Come regola generale, è sicuro solo per i cani adulti sani.

Se avete un animale con diversi problemi prima di applicare un digiuno di testa propria consultate sempre il vostro veterinario; valutate un digiuno proteico inserendo 1 giorno a settimana un solo pasto vegetale.

Sei favorevole per il digiuno per gli animali?

Comunicacelo qui sotto con un commento !

O semplicemente scrivici sui social entrando a far parte della nostra community !

Fonte:

Johnson JB, Laub DR, John S. the effect on health of caloric restriction every other day: eating less and more than necessary every other day prolongs life. assumptions Med. 2006; 67 (2): 209-11. Epub 2006

Ristow M, Zarse K. How increased oxidative stress promotes longevity and metabolic health: The concept of mitochondrial hormesis (mitohormesis).Exp Gerontol. 2010 Jun;45(6):410-8. Epub 2010 Mar 27.

Dogan S, Johannsen AC, Grande JP, Cleary MP. Effects of Intermittent and Chronic Calorie Restriction on Mammalian Target of Rapamycin (mTOR) and IGF-I Signaling Pathways in Mammary Fat Pad Tissues and Mammary Tumors. Nutr Cancer. 2011 Apr;63(3):389-401.

Seyfried TN, Kiebish MA, Marsh J, Shelton LM, Huysentruyt LC, Mukherjee P. Metabolic management of brain cancer. Biochim Biophys Acta. 2010 Sep 8. [Epub ahead of print]

Omodei D, Fontana L. Calorie restriction and prevention of age-associated chronic disease. FEBS Lett. 2011 Mar 26. [Epub ahead of print]

Mattson MP. The impact of dietary energy intake on cognitive aging. Front Aging Neurosci. 2010 Mar 8;2:5.

Rains JL, Jain SK. Oxidative stress, insulin signaling, and diabetes. Free Radic Biol Med. 2011 Mar 1;50(5):567-75. Epub 2010 Dec 13.

Perkins SN, Hursting SD, Phang JM, Haines DC. Calorie restriction reduces ulcerative dermatitis and infection-related mortality in p53-deficient and wild-type mice. J Invest Dermatol. 1998 Aug;111(2):292-6.

Wielinga PY, Yakala GK, Heeringa P, Kleemann R, Kooistra T. Beneficial effects of alternate dietary regimen on liver inflammation, atherosclerosis and renal activation. PLoS One. 2011 Mar 31;6(3):e18432.

Johnson op cit.

Sebastian C, Mostoslavsky R. SIRT3 in calorie restriction: can you hear me now? Cell. 2010 Nov 24;143(5):667-8.

USC News

Cell Stem Cell: Valter D.Longo, Salvatore Cortellino

Fems Journals: the effects of feeding and withholding food on the canine small intestinal microbiota

HealthyPets

Veterinary Practice News

Immagini: 1 – 2 – 3

 

 

 

 

 

 

Facebook Comments

The following two tabs change content below.
Giorgio Sechi

Giorgio Sechi

Amministratore a Code Pazze
Il 24 Settembre 2017 ho deciso di fondare il gruppo Code Pazze su Facebook per condividere esperienze e informazioni con tutti i proprietari di animali cani, gatti, conigli, uccelli e tanti altri... Continua a leggere.