Come curare la coccidiosi del coniglio: prevenzione e studi scientifici

Jessica Merra Di Jessica Merra, Amministratrice a Code Pazze
Come curare la coccidiosi

In questo articolo vi parlerò di come curare la coccidiosi del coniglio, un’altra malattia che potrebbe colpirlo.

Dopo averlo preso la prima cose da fare è l’esame delle feci, passaggio obbligatorio per verificarne la presenza o l’assenza.

La coccidiosi

blocchi intestinali coccidiosi

Il coniglio potrebbe avere all’interno del proprio apparato digerente i coccidi, microorganismi appartenenti al genere Eimeria che infestano l’intestino.

A volte le infestazioni lievi passano inosservate e vengono diagnosticate solo dopo un’esame coprologico.

Altre volte il coniglio manifesta dimagrimento, diarrea o nei casi più gravi morte.

La coccidiosi viene trasmessa attraverso l’ingestione di materiale fecale ma non infetta subito perchè necessita di alcuni giorni di incubazione. Ci chiediamo dunque, come curare la coccidiosi? e come la preveniamo?

Fondamentale, come abbiamo detto è l’esame delle feci poi, altro punto fondamentale è l’igene della lettiera. Quindi se l’esame delle feci risulterà positivo, il veterinario ci darà la terapia giusta per curare i coccidi

Parla lo studio scientifico

Come curare la coccidiosi

Uno studio ha valutato il trattamento della coccidiosi intestinale in 45 conigli di età superiore a 4 mesi dove si identificavano oocisti di coccidi nelle feci di 35 soggetti.

La specie predominante era Eimeria magna ma anche Eimeria media ed Eimeria intestinalis. Una singola dose orale di 2,5 o 5mg di Toltrazuril, o una singola dose di 50mg di Sulfadimetossina seguita dall’inclusione nell’acqua di bevanda al dosaggio di 1g / 4l per 9 giorni riducevano entrambe la conta delle oocisti fecali del 73 / 99%.

Il numero di oocisti aumentava di nuovo dove il trattamento cessava.

Consigliamo a tutti di non perdere tempo in queste situazioni, la cosa più giusta da fare è recarsi da un veterinario competente il prima possibile per una terapia adeguata.

Se sfortunatamente il vostro veterinario è chiuso o in ferie ricordate che esistono le cliniche aperte 24h su 24h, trovate quella più vicino a voi e andateci subito.

 

Cosa ne pensi di questo articolo su come curare la coccidiosi?

Comunicacelo qui sotto con un commento !

O semplicemente sui social entrando a far parte della nostra community

 

 

Fonte :

Dott. Cristiano Papeschi – Maria Grazia Monzeglio Med Vet PhD – PubMed

Editor © Jessica Merra

 

 

 

 

 

Facebook Comments

The following two tabs change content below.
Jessica Merra

Jessica Merra

Amministratrice a Code Pazze
Sono co-fondatrice del sito Code Pazze e dei gruppi Facebook dove mi occupo della stesura dei testi basandomi su fonti scientifiche, e della correzione dei testi che i professionisti svolgono...Continua a leggere.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.