Barf per gatti: la guida all’alimentazione naturale

Giorgio Sechi Di Giorgio Sechi, Amministratore a Code Pazze
Barf per gatti: la guida all'alimentazione naturale

Dopo aver parlato della dieta Barf per cani è arrivato il momento dopo tanta richiesta nel nostro gruppo Facebook Alimentazione Naturale di parlare della dieta barf per gatti.

Una cattiva digestione di un cibo non appropriato può portare problematiche come:

  1. Feci molli
  2. forfora
  3. dermatiti
  4. malassorbimento
  5. problemi renali
  6. problemi urinari; ecc…..

Purtroppo in tutta onestà, i veterinari, della dieta barf per gatti, non sono ancora tutti favorevoli e continuano a consigliare cibo industriale pieno di conservanti ma leggendo questa guida potrai scoprire una dieta sana e gustosa.

Inoltre ti rassicuriamo che per dati certi, il tuo gatto/ino crescerà forte e sano e  a confermarlo c’è questo studio rilasciato su PubMed:

Ventiquattro gattini di 9 settimane sono stati sottoposti a una prova di alimentazione della crescita di 10 settimane della Association of American Feed Control Officials (AAFCO) con due gruppi di dieta cruda. Tutti i gatti hanno superato i parametri di crescita, nei limiti di uno studio sull’alimentazione della crescita AAFCO.

Qualità della carne

qualità della carne gatto barf

Nella barf per gatti, sono previste carni bianche ovvero pollo, gallina, gallo, galletto, cappone, faraona ,tacchino, anatra domestica e carni di alcuni animali più giovani come agnello, capretto e coniglio.

Carni rosse ovvero manzo, vacca, vitellone ed altri bovini. Ed inoltre animali che aggiunto la maturità come bufalo, cavallo, puledro, ovini, caprini, (hanno maggiori quantità di mioglobina). In questa categoria fa parte anche la carne di maiale e vitello considerate gastronomicamente carni rosate.  Le quantità maggiori di mioglobina si concentrano nei muscoli di quegli animali che affrontano sforzi muscolari notevoli.

La mioglobina è una piccola proteina globulare il cui compito principale è quello di veicolare l’ossigeno ai mitocondri presenti nelle cellule del tessuto muscolare. La si trova nelle carni con tessuto muscolare e nel cuore.

Carne nera come lepre, capriolo, cinghiale, camoscio, bisonte , alce , cervo, struzzo, fagiano, pernice, beccaccia, quaglia, anatra selvatica. Il tenore di grassi è basso, ma le fibre muscolari sono molto più dure degli altri tipi di carne.

Le carni di selvaggina in libertà tendono ad avere un basso contenuto di grassi ed essere maggiormente in salute rispetto agli animali domestici nutriti con grano ed altri cereali, come il mais, in maniera intensiva. Mangiare verdure in natura contribuisce ad un più basso contenuto di acidi grassi omega-6 che sono pro-infiammatori ed un più elevato contenuto di acidi grassi omega-3 che sono anti-infiammatori.

Il congelamento uccide i parassiti

congelamento della dieta barf

Il congelamento nella dieta barf per gatti, abbassa la temperatura dell’alimento in modo graduale partendo dall’esterno e andando verso l’interno “Y. H. Hui, Handbook of Meat and Meat Processingin questo modo vengono distrutti tutti i parassiti all’interno della carne.

I batteri invece, una volta scongelato il prodotto, torneranno attivi e inizieranno nuovamente a proliferare. Per questo motivo è buona cosa scongelare il prodotto direttamente in frigo e non nel bancone della cucina. Con questo metodo eviterai un’aumento di una proliferazione batterica.

I gatti, come i cani diventano resistenti ai batteri se vengono sottoposti ad un alimentazione costantemente naturale. Se ci sarebbe stato un rischio enorme, tutti i gatti randagi che per dovere e sopravvivenza devono cacciare per nutrirsi sarebbero tutti morti. A differenza loro, noi diamo un enorme contributo ai nostri gatti domestici; applichiamo un congelamento.

1 Step: la carne “CSO”

gatto che mangia carne

Nella dieta Barf per gatti introdurremo soltanto cibi altamente digeribili per facilitare il passaggio da una dieta industriale a quella naturale, ovvero del macinato.

La carne cruda è altamente digeribile come dimostra questo studio scientifico sui gatti, perciò state tranquilli che non peggiorerete nessuna condizione di salute al vostro animale.

I risultati mostrano che la digeribilità è maggiore della sostanza secca, materia organica, proteina grezza ed energia lorda. Questo è dimostrabile osservando le diete crude rispetto alle diete industriali.

  • daremo 2 giorni macinato di pollo (carne bianca)
  • 2 giorni macinato di tacchino (carne bianca)
  • 2 giorni macinato di maiale e bovino, (carne rosata/rossa)
  • 1 giorno petto/polpa di quaglia (carne nera)

Aiuto! il gatto non mangia

Cibo industriale per gatti causa cancro

Dovete sapere che nel cibo industriale ci sono molti ingredienti che provocano dipendenza e sono cancerogeni, vi consiglio di leggere attentamente l’articolo che ne parla.

Per questo motivo vedrete che il vostro gatto non è attratto dal cibo crudo, ma vorrebbe ritornare a mangiare quel cibo dannoso che gli sta recando molti danni.

Molti cibi includono:

  1. MSG (elencato come proteina idrolizzata)
  2. zucchero da tavola
  3. sale da cucina
  4. glicole propilenico dal sapore dolce (un derivato dell’antigelo)
  5. altre spezie e sostanze chimiche.

Pensate che per la farina di carne, pollame e grasso non vi è alcun obbligo legale per i produttori di rivelare quali sostanze sono state aggiunte a un ingrediente prima che raggiunga l’impianto di produzione.

Non arrenderti, lo stai facendo per il suo bene… insisti!

Il digiuno di 24h

Questo digiuno permette agli organi del vostro animale, come il rene e il fegato, di ripulirsi da eventuali scorie accumulate da parte dell’apparato digerente, per un riposo enzimatico fisiologico del pancreas.

Il digiuno terapeutico permette di liberarsi da tutte le parti danneggiate o vecchie, ovvero dalle parti inneficienti. lo attesta Valter Longo, professore di gerontologia e scienze biologiche presso la University of Southern California.

Ma nella barf per gatti non è possibile svolgere un digiuno prolungato nel gatto anziano o nei cuccioli perchè si rischierebbe l’ipoglicemia, ovvero un abbassamento della concentrazione ematica di glucosio.

La cottura

arne cotta nella dieta del gatto

La cottura, previsto nell’Alimentazione Casalinga è consigliata anche agli animali che presentano uno sistema digerente sensibile, come la gastrite, e con quelli che presentano patologie del tratto intestinale, come IBD.

Per IBD si intendono un complesso di patologie gastrointestinali, eteroenee, idiopatiche, croniche caratterizzate da un infiltrato cellulare in lamina propria molto vario. Sono le più comuni cause di vomito e diarrea cronici nel gatto e cane. Hanno molteplici cause, variazioni genetiche individuali, fattori ambientali esterni e alterazioni della flora microbica intestinale.

Ormai è chiaro come le influenze alimentari sulla flora intestinale rivestano un ruolo essenziale sulla salute degli animali. Per questo motivo vengono consigliati i probiotici.

I Probiotici e fermenti lattici

E bene inserire sempre un probiotico naturale e fermenti lattici, vi consigliamo (vivomixx) nella dieta barf per gatti.

  1. I fermenti lattici, come saprete sono integratori alimentari utili per favorire l’equilibrio della flora intestinale.
  2. Nel probiotico invece, si tratta di microrganismi vivi che se somministrati in quantità adeguate, ad esempio come il Kefir, utilizzabile con una percentuale del 10% , della razione giornaliera, migliorano l’assorbimento e la digeribilità delle sostanze nutrienti, modulano le funzioni immunitarie, inibiscono le infiammazioni e prevengono le predisposizioni allergiche potenziando i meccanismi di difesa naturale.

2 Step: le ossa polpose “OP”

ossa polpose per gatti barf

In questo caso, non c’è necessità di macinare le ossa polpose, ovvero parti di carne che contengono ossa. Il gatto difatti è predisposto ad una masticazione naturale quando si nutre di una preda cacciata. Ovviamente siate consapevoli di usare ossa polpose di dimensioni corrette in base all’animale si ha davanti.

Una testa intera difficilmente se la mangerà ma se la fornirete macinata si, se volete attivare la loro masticazione, vi consiglio ossa polpose intere come:

  1. Quaglia e altri volatili: tutta la preda è ottima;
  2. Pollo: ali, collo;
  3. Coniglio: busto, cosce, zampe.

Come dicono molti, in natura non c’è la mano dell’uomo! Non esistono infatti fornelli a gas e coltelli, quello che si caccia si mangia per sopravvivere. E se offrirete ossa cucinate esporrete il vostro gatto ad un rischio di perforazioni intestinali e ostruzioni.

Introdurremo polpa macinata + ossa polpose

  • 2 giorni di macinato di pollo + ali di pollo (carne bianca)
  • 2 giorni di macinato di tacchino + quaglia tritata (carne bianca/selvaggina)
  • 3 giorni di preda senza organi “topi tritati” (carne nera/selvaggina) ricca di taurina!

Se vi fa schifo usare topi nell’alimentazione del vostro gatto non fatevi problemi. Dovrete soltanto ricorrere all’inserimento della taurina sintetica, sempre se i suoi valori non sono bilanciati correttamente.

La taurina

Il topo fornisce taurina

La taurina (acido 2-β amminoetansulfonico) è un amminoacido intracellulare libero contenente zolfo caratterizzato dalla presenza di un gruppo sulfonato invece di un gruppo carbossilico, non incorporato nelle proteine e che rappresenta il secondo amminoacido più abbondante nel Sistema Nervoso Centrale (SNC)

I gatti che vivono allo stato selvatico, che si procurano da soli il cibo cacciando, non presentano carenze di taurina. Mangiando topi in continuazione assumono quantità molto elevata di taurina circa 2,4 mg / grammo.

Secondo lo studio pubblicato su PubMed la carenza di Taurina causa:

  1. malattia renale cronica, la dissoluzione degli uroliti del tratto urinario mediante modificazione dietetica, sono associati adlla carenza di taurina nella barf per gatti.
  2. le carenze di taurina e L-carnitina possono causare cardiomiopatia dilatativa; i segni clinici associati all’ipertiroidismo felino (causato da un adenoma benigno) e possono essere controllati solo con una dieta a basso contenuto di iodio. E molto altro…..

Nella dieta barf per gatti, la taurina la si prende direttamente nella carne e negli organi; diffida dai consigli errati che ti vengono detti sui social o dai veterinari non nutrizionisti consulta fonti attendibili come CREA, potrai vedere con i tuoi occhi le concentrazioni di taurina nelle carni che vorrai offrire al tuo gatto.

Dosi raccomandate dal Consiglio Nazionale delle Ricerche (NRC)

  • la quantità minima raccomandata di taurina per gatti adulti è 10mg kg per chilogrammo di peso corporeo;
  • per i gattini, la quantità “minima” è 0.017 kg. per chilogrammo di peso corporeo, ma la dose raccomandata è di 0,33 kg. per chilogrammo di peso corporeo.

Attenzione al congelamento e allo scongelamento! Quando la carne viene congelata c’è solo una leggera diminuzione di taurina. Inoltre essendo solubile in acqua,  la taurina può perdersi in essa leggermente durante la fase dello scongelamento dove viene rilasciata un pò d’acqua.

3 Step: gli organi

Organi per gatti
Foto di Dorota Severin

Gli organi a dire il vero, sono ricchi di vitamine essenziali, in questo caso come abbiamo visto ricchi di Taurina. Se il vostro gatto è schizzinoso, cercate di raggirarlo, non demordete.

  1. Inizialmente potete sbollentarli un po, la cottura lascia un aroma che lo rende piacevole all’olfatto del vostro gatto
  2. potete optare di tritarli e nasconderli con del Kefir
  3. aggiungere spezie “timo, rosmarino, ecc..”
  4. versare l’aceto di mele sopra “1 cucchiaino” dose consigliata per un gatto.

Introdurremo macinato/polpa + ossa polpose + organi

  • 2 macinato di pollo + ali di pollo + fegato pollo (carne bianca)
  • 2 macinato tacchino + quaglia a pezzi + cuore tacchino (carne bianca/selvaggina)
  • 3 giorni preda intera “quaglia o topo con organi” (carne nera/selvaggina)

4 Step: il pesce

pesce barf gatti

Per calcolare la quantità giusta di omega -3 che richiede il suo fabbisogno dovrete svolgere il seguente calcolo. Peso metabolico del gatto x 50mg di omega – 3 ad un massimo di 150mg; in questo modo si otterrà il calcolo esatto.

  • Se inserite omega-3 al posto del pesce acquistateli con i seguenti valori: EPA 400mg, DHA 200mg (non inferiori)

Il Pesce rappresenta il 10 – 15% della dieta animale e ricco di omega-3 deve essere obbligatoriamente congelato.

Introdurremo il macinato/polpa + ossa polpose + organi + pesce.

  • 2 giorni di macinato di pollo + ali di pollo + cuore di pollo + latterini non eviscerati (carne bianca/pesce di lago)
  • 2 giorni di macinato di tacchino + quaglia + fegato pollo + alici non eviscerate (carne bianca/selvaggina/pesce di mare)
  • 3 giorni di macinato di maiale e bovino + cuore di tacchino + fegato di pollo + sardine non eviscerate (carne rosata/rossa/pesce di mare.

Ora siete pronti… Buona Barf per gatti

Scrivici con un commento qui sotto o semplicemente sui social entrando a far parte della nostra community!

Pagina Facebook Instagram.

Fonte:

PubMed: Apparente digeribilità dei nutrienti di due diete grezze nei gattini domestici.

Nutrizione del cane e del gatto di Waltham seconda edizione del 1988

Y. H. Hui, Handbook of Meat and Meat Processing, Seconda Edizione, CRC Press, Pag. 372

I Manuali di Allevare Guida all’Alimentazione del cane di Eleonora Fusi pag.198 – 199

Il digiuno avvia la rigenerazione delle cellule staminali del vecchio sistema immunitario danneggiato

Benitez-Diaz,P.;Miranda-Contreras,L.;Mendoza-Briceno,R.V.;Pena-Contreras,Z.;Palacios-Pru,E.Prenatal
and postnatal contents of amino acid neurotransmitters in mouse parietal cortex. Dev. Neurosci. 2003, 25, 366–374.

Nutrizione clinica veterinaria: storie di successo: una panoramica.

Valutazione di due diete crude rispetto a una dieta commerciale cucinata sulla crescita felina.

Revised by © Jessica Merra

 

Facebook Comments

The following two tabs change content below.
Giorgio Sechi

Giorgio Sechi

Amministratore a Code Pazze
Il 24 Settembre 2017 ho deciso di fondare il gruppo Code Pazze su Facebook per condividere esperienze e informazioni con tutti i proprietari di animali cani, gatti, conigli, uccelli e tanti altri... Continua a leggere.